Artisti contemporanei: Le milonghe di Fabian Perez



Nel caotico e multiforme mondo dell’arte contemporanea, popolato di sperimentazione, novità e astrattismo, è bello trovare ogni tanto artisti capaci di dipingere in modo che profuma di passato. Uno stile morbido  e caldo che riporta ai grandi maestri. Questo io ho ritrovato in Fabian Perez.
Fabian Perez è un artista nato a Buenos Aires nel 1967. Ha girato tutto il mondo ed è stato diversi anni anche in Italia, vive attualmente a Los Angeles. Deve la sua fama ai suoi dipinti del tango oltre ai suoi ritratti. Lo stile di pittura di Fabian – che egli chiama ‘Emotività’ – utilizza colori, luci e ombre per esprimere sentimenti appassionati che vengono estratti dal pozzo profondo della memoria.



Le sue opere sono molto conosciute nel mondo del tango perchè vengono spesso usati da associazioni o maestri come sfondo per locandine o manifesti. Le sue opere non passano mai inosservate. Gli piace dipingere con colori acrilici, perché si asciugano velocemente e gli consentono di seguire i suoi impulsi, senza che l’attesa di un colore ancora bagnato lo limiti nel generare un nuovo tratto col pennello. Le sue immagini hanno la forza di trasmettere il carisma e la sensualità del suo autore. Un'arte che difficilmente si può sintetizzare in una categoria. Non a caso lo ribadisce spesso nelle sue dichiarazioni ..."ciò limita tanto l’artista quanto le sue opere".



 “Sono tredici anni che le mie ruote viaggiano su una strada sabbiosa. Lungo il mio cammino mi sono lasciato alle spalle molte cose, e tante altre ormai le ho perse. Ma le ruote continuano a girare e io vedo la strada dritta davanti a me, e so che quella strada mi condurrà a numerose nuove esperienze”.

 Fabian Perez "Reflections of a Dream".




Nessun commento:

Posta un commento