Mostra interattiva di Carsten Höller alla Hayward Gallery di Londra



L’artista belga Carsten Höller ha riempito la Hayward Gallery e le terrazze del South Bank di Londra, con installazioni interattive, tra cui un paio di scivoli a spirale. La mostra personale dell’artista intitolata Carsten Höller: Decisione, occupa i due piani della Brutalist Hayward Gallery e si concentra sul tema del processo decisionale. Höller, descritto come "il Willy Wonka dell’arte contemporanea", presenta nuovi pezzi realizzati su commissione a fianco di molte delle sue opere precedenti.



La mostra, interna ed esterna, permette ai visitatori di "volare" sopra il ponte di Waterloo e sperimentare il mondo attraverso gli occhiali a testa in giù. "Quasi ogni pezzo in questa mostra ha un carattere meraviglioso, giocoso e malizioso", ha detto Ralph Rugoff, direttore della Hayward Gallery e curatore di mostre. "Sta cercando di darci la possibilità di avere un nuovo modo di vivere e percepire i fenomeni che incontriamo nel mondo intorno a noi".



Si accede attraverso ingressi marcati con segni A e B, che portano a due bui, corridoi ristretti, che più volte si trasformano e cambiano il livello attraverso il primo spazio della galleria. Le strutture in acciaio zincato, realizzate in collaborazione con Delvendahl Martin Architects, assomigliano a dei comuni condotti d'aria. Una terrazza che si affaccia sul Waterloo Bridge è occupata da due macchine volanti. Le due strutture permettono ai visitatori di simulare l’esperienza del volo mentre si ruota lentamente in cerchio con indosso una cintura collegata ad un braccio rotante.
Gli occhiali Upside Down Goggles vengo distribuiti quando si esce su un’altra terrazza della galleria. Gli occhiali, prima realizzati nel 1994, si basano su un esperimento effettuato dallo scienziato americano George Stratton nel 1890, in cui ha realizzato una lente a specchio che inverte la sua visione.



In un altro punto della mostra, i visitatori possono indossare degli auricolari virtuali per intraprendere un viaggio attraverso una foresta di notte. Il video a doppio schermo della foresta divide la visione dello spettatore in due, dove ogni occhio mostra un percorso diverso.
Due letti robotici, che si spostano automaticamente, occupano uno degli spazi della galleria, sui quali i visitatori possono salire e svegliarsi in un luogo diverso da dove si sono addormentati. Utilizzando sistemi di navigazione come i laser e radiofari, i due letti si muovono in relazione reciproca. Questi letti possono essere prenotati durante la notte per £ 300.





Un orologio chiamato Pill Clock installato a soffitto fa scende una pillola rossa e bianca sul pavimento della galleria ogni tre secondi, creando un cumulo nel centro della stanza. Una fontana di acqua nelle vicinanze incoraggia i visitatori a ingoiare una delle tavolette non identificate.
I visitatori possono uscire dalla mostra attraverso uno dei due scivoli a spirale di 15 metri che sono stati costruiti nel muro esterno, accedendovi attraverso un'apertura nel soffitto a piramide di vetro del palazzo.

La fotografia di Linda Nylind.





Nessun commento:

Posta un commento