The Cube Building by Orange Architects




The Cube Buildingcommissionata dalla società libanese Masharii, una tra le più importanti aziende di project management and business development,  situata sul Poth 941 a Sin el Fil, nel distretto est di Beirut, e progettata da Orange Architects, rappresenta un nuovo tipo di edilizia residenziale aggregata, una vera e propria torre di appartamenti, scolpita nel lusso. Questa Firma, si e costituito nel 2010, risultato di una solida partnership tra le studi di architettura olandesi JSA, CIMKA e Hofman Dujardin.  



Il concept del progetto è semplice ma straordinariamente efficace: gli architetti sono riusciti a fondere idee e fattibilità, rendendo l'oggetto "edificio" sia una straordinaria opera ricca di pregio ed eleganza. Il punto di partenza era proprio la 'massimizzazione': un uso ottimale delle potenzialità del sito, la giusta interpretazione del regolamento edilizio locale, le fantastiche vedute di Beirut ed il  Mar Mediterraneo, si uniscono in un risultato estetico equilibrato e sofisticato. 






Il volume dell'involucro esterno, che si presenta disgregato ed a prima vista instabile, si sviluppa come una sequenza di piani in aggetto, ruotati l'uno rispetto all'altro e altezze smorzate, in un contrappeso di linee e forme. 
All'interno di questo quadro concettuale, i progettisti hanno sviluppato il più vasto programma di costruzione possibile; all'altezza massima sarà raggiunta uno splendido panorama della città, ma la vista da ogni appartamento sarà ottimizzata e ugualmente sorprendente. A questo scopo, sono state sviluppate, planimetrie flessibili al 100%. La pianta generale dell'edificio si presenta con un nucleo centrale, contenente ascensori e scale, inserito come un'ancora razionale, e rappresenta il cuore di questo sistema di offset, come un perno attorno al quale si sviluppa l'intero progetto. Poiché ogni appartamento, che dal secondo piano in su, occupano l'intero piano, è sviluppato attorno a questo nucleo, l'orientamento intorno al nucleo stesso è libero, e non ci sono vincoli alla disposizione degli appartamenti stessi. Ogni unità è composta essenzialmente da due griglie di pareti trave-pilatro aperte e due pareti vetrate. Ogni livello viene ruotato di 90° rispetto ai livelli superiori e inferiori, creando così un effetto ottico di lancio, come se il volume, ruotando su se stesso, potesse si slanciasse ulteriormente in altezza. Inoltre, la rotazione e la disposizione sfalsata degli appartamenti permette la creazione di ampie terrazze esterne, che completano ciascun appartamento, poste a sbalzo ma in corrispondenza dell'apertura esterna dell'unità sottostante. 





La struttura portante di tutto il volume si concentra dunque nel cuore centrale dell'edificio, a base di cemento armato, stabilizzato ai piani dalla griglia di supporto aperta, rinforzata con fibra di vetro, portato alla base da una colonna a y sempre di cemento armato. 
Le finiture in alluminio degli infissi esterni, con le ampie vetrate a tutta parete, affiancata dal reticolo di cemento armato rinforzato e vetro creano un suggestivo gioco di pieni e vuoti, all'interno dei piani stessi che formano la struttura del volume, che si genera dall'intreccio dei piani.





Al piano terra, la torre è parzialmente integrata nella collina che lo accoglie sul sito. C'è una hall, un parcheggio di 25 box auto, così come altri servizi di supporto standard. Il tetto di questa torre di lusso è utilizzata come spazio comune per tutti i residenti, un vero giardino e un parco giochi all'aperto per i bambini.
La composizione estetica della muratura esterna, appare come perforata, e in larga misura ne determina sia l'aspetto esterno che quello l'interno. In realtà i trafori sono forme accuratamente studiate, assieme al nucleo e serviranno soprattutto per stabilizzare la torre, che è costruita in una zona ad altissima attiva sismologica.
La progettazione accurata degli Orange Architects, non ha tralasciato niente al caso. Gli interni degli appartamenti e gli esterni, espressamente curati nei minimi particolari, anche di finitura delle superfici, denotano l'incredibile capacità di questo studio di fornire un prodotto progettuale completo e sufficiente, che denota un amore e una dedizione al particolare non frequente tra i grandi nomi dell'architettura contemporanea. La scelta degli arredi, dei tessuti, dei colori semplici e luminosi, non solo si sposa meravigliosamente con il contesto del volume esterno dell'edificio, ma esprime la volontà di mantenere il concetto iniziale della 'massimizzazione' anche nel particolare, cercando di omogeneizzare forme, e scelte estetiche oltre che funzionali. Arredi e complementi delle maggiori marche internazionali sono stati scelti a corredo degli appartamenti, tra cui anche Cucine Italiane Kitchinova by OMP Design
The Cube Building è attualmente in costruzione e si possono seguirne gli sviluppi dalla Pagina Facebook espressamente dedicata al cantiere ed all'edificio.




Team Orange Architects a lavoro sul cantiere del Cube Building a Beirut










Nessun commento:

Posta un commento