Studio condiviso per creativi Makeshift Society Brooklyn by Dash Marshall



Lo studio di architettura Dash Marshall ha trasformato una ex fabbrica di matite in uno spazio di lavoro condiviso per imprenditori creativi di Brooklyn. Dash Marshall ha progettato lo spazio ufficio flessibile Makeshift Society per architetti, designer, fotografi e altri professionisti creativi che non hanno un luogo permanente di lavoro. A seguito di una filiale di San Francisco che ha aperto nel 2012, lo spazio Brooklyn occupa 370 metri quadrati di una fabbrica costruita originariamente nel 1907.


Lo studio viene spogliato della sua veste e mostra colonne in calcestruzzo sotto le finiture precedenti, mentre le ruvide pareti sono state imbiancate. Parti fisse di mobili possono essere utilizzate per molteplici funzioni e lo spazio è lasciato a pianta relativamente aperta per massimizzare la luce attraverso grandi finestre. Questo per avere un interno composto da forme volutamente ambigue che giocano ruoli diversi in tempi diversi.


L’area di lavoro è creata lungo un bancone in legno d'acero, che costituisce anche uno schermo per la privacy di fronte l'ingresso vetrato. Lampadari a forma di campana pendono sopra al banco da cinque metri di altezza. Una sala conferenze si trova in un cubo di legno che si trova nel mezzo dello spazio, creando aree più piccole su ciascuno dei suoi lati. Il cubo si apre per essere utilizzato come area di presentazione e classi durante gli eventi che spesso avvengono, e una libreria è nascosta dietro la parete posteriore.


Sul retro dello spazio, cabine telefoniche private si trovano dietro porte verdi con triangoli dai colori pastello nei top e passanti in pelle per le maniglie. Divani e poltrone si alternano con banchi e sedie in legno per soddisfare le diverse preferenze lavorative. Una cucina e sala da pranzo si trovano nel seminterrato, dove un telaio di legno ospita un frigorifero, un lavandino e crea scaffali.

La fotografia è di Kelli Anderson e Bryan Boyer.

















Nessun commento:

Posta un commento