Goethe-Institut by Bernhard Blauel e Gloria Zein



La sede britannica del Goethe-Institut è ospitata in due case vittoriane, non lontano dal Victoria & Albert Museum, dal 1975. La correzione e l’occultamento degli svantaggi strutturali, funzionali e associati è stata affidata a Bernhard Blauel, architetto tedesco con sede a Londra. Il lavoro è stato completato nel luglio 2012, in tempo per il 50° anniversario del Goethe-Institut. Blauel Architects ha sviluppato un nuovo modello funzionale per i settori pubblici e amministrativi. Con una superficie di oltre 3.000 m² e un budget complessivo di 8,5 milioni di euro, il layout di tutti i piani è stato completamente cambiato e ristrutturato.


Il risultato di una collaborazione con l'artista Gloria Zein è il momento clou del rafforzamento estetico dell’opera: il concetto del colore inonda il vano scala. Pareti e soffitti sono splendenti in colori vivaci, la cui composizione ha coinvolto elementi di scelta casuale. Le delicate scale in pietra naturale, avvolgono tutti e cinque i piani verso l'alto, sono l’occhio centrale del Goethe-Institut, in termini di colore e design dello spazio. Sculture e oggetti in vari materiali, sono situati nella zona esterna. I visitatori sperimentano questo spazio come un'installazione attraverso la quale è possibile camminare, offrendo prospettive nuove e sorprendenti in tutto l'edificio.

La fotografia è di Richard Bryant.




Nessun commento:

Posta un commento