NENDO, STARCK AND MORE REINTERPRET KARTELL'S BOURGIE LAMP



I progettisti, tra cui Philippe Starck, Patricia Urquiola e Nendo hanno interpretato la lampada da tavolo Bourgie prodotta dalla marca italiana Kartell per celebrare il decimo anniversario del design.


Kartell ha invitato quattordici progettisti per mettere la loro impronta sulla lampada Bourgie di plastica, originariamente progettata dal designer italiano Ferruccio Laviani nel 1994. 


In primo luogo ha creato la lampada come una copia in policarbonato trasparente di colui che sedeva sulla sua scrivania. 


Dieci anni dopo, il gruppo di progettisti hanno modificato la forma, i materiali e la funzione del pezzo, mantenendo l'essenza originale di Laviani. 


"Ho sempre sostenuto e promosso il concetto di 'remix', a spiegare che ciò che creo è qualcosa che già esiste, ma diventa qualcosa d'altro attraverso la mia versione della realtà, mia re-interpretazione delle cose", ha detto Laviani.


Nendo ha utilizzato la lampada Bourgie, capovolgendo e utilizzando l'inverso della sua forma per creare la sagoma di forma cilindrica. 


La versione wireframe con una sorgente luminosa CMYK LED è stata progettata da Ludovica + Roberto Palomba. 


Mario Bellini usato due tonalità e tre steli per trasformarla in un appendiabiti, mentre Patricia Urquiola ha preso un elemento dal supporto per formare rami di un lampadario. 


Philippe Starck ha avvolto lo stand in bracciali e ciondoli, Piero Lissoni ha creato la lampada in carta e Christophe Pillet ha ricoperto in feltro grigio. 


Altri designer che hanno partecipato incluse Tokujin Yoshioka, Rodolfo Dordoni, Eugeni Quitllet, Alberto Meda, Patrick Jouin e Front. 


 I disegni sono stati esposti al flagship showroom di Kartell a Parigi, in concomitanza con la Maison & Objet fiera il mese scorso. 


Inoltre saranno esposte durante il Salone Internazionale del Mobile di Milano e ICFF a New York entro la fine dell'anno.




Nessun commento:

Posta un commento