JELLYFISH HOUSE



Wiel Arets Architects ha creato il Jellyfish House, che ha una piscina elevata sul tetto in modo che la vicina spiaggia e il mare possono sempre essere visti mentre si prende il sole o si nuota. La piscina è dotata di uno sfioro, le sue acque si fondono con il mare in lontananza. Ha un pavimento con fondo di vetro e una finestra panoramica sul bordo rivolta verso l’interno, che sono entrambi 6 cm di spessore, la seconda consente a chi si trova in cucina di vedere le persone che nuotano, mentre una terza finestra permette a quelli che si trovano in cucina di avere un assaggio del soggiorno, la cui terrazza si estende sotto la piscina a sbalzo.





Cinque camere da letto si trovano in tutta la casa , con due camere da letto per gli ospiti, situate al piano seminterrato che si affacciano verso l'esterno e su un ampio terrazzo privato ad uso esclusivo degli ospiti . La cucina è situata lungo la facciata meridionale del primo piano della casa. Il primo piano è anche la posizione della sauna e bagno turco. La terrazza sul tetto è dotata di un sovradimensionato e di un tavolo in cemento su misura, progettato con una panca adiacente che è contigua a una sedia angolare per adagiarsi mentre si prende il sole.


Una luce particolare illumina tutti i corridoi e le scale, così come sott'acqua all'interno della piscina, garantendo gli effetti increspatura dei suoi riflessi che brillano attraverso il pavimento in vetro e parete e può anche essere vissuta in tutta la casa durante la notte. Sfruttando al massimo l'immancabile sole spagnolo, la Jellyfish House è un'espressione avant- garde del lusso, come la maggior parte delle sue facciate che possono essere aperte, e le sue scale che sono principalmente all'aperto. Oggi ormai la casa sta sempre più spostando i confini tra l’interno e l’esterno.







Nessun commento:

Posta un commento