Three Cusps Chalet by Tiago do Vale Arquitectos


Lo studio portoghese Tiago do Vale Arquitectos ha ristrutturato una casa a Braga storicamente costruita come una casa della servitù alla fine del XIX secolo e modellata sullo stile di uno chalet alpino. La fotografia è di João Morgado.


Gli architetti hanno rivisitato tutti e tre i piani del Three Cusps Chalet, originariamente costruito nel storico momento in cui migranti stavano tornando in Portogallo dal Brasile e sono state commissionate grandi case influenzate dalle tendenze provenienti da tutta Europa e Sud America.



Ora viene trasformato con una luce moderna in casa e ufficio per una coppia. La vecchia casa faceva parte di una fila di tre proprietà che sono state costruite per ospitare i servi di un palazzo vicino, combinando materiali tipici portoghesi e proporzioni e dettagli di forme alpine.



Una tonalità vivace di turchese differenzia l’edificio dai suoi vicini, mentre la gronda decorativa e la pietra sono state restaurate intorno ai bordi del tetto e le finestre. Partizioni ed estensioni inutili sono state rimosse dall'interno, creando spazi open-space che sono definiti dalla posizione di una scala centrale che era stata precedentemente inscatolata all'interno.



A livello della strada, un grande spazio su due livelli con un pavimento di marmo bianco può funzionare sia come un negozio che come ufficio. Un grande fronte divisorio in vetro della scala rivela il percorso fino agli spazi domestici sopra. La scala si restringe ad ogni rampa di scale, destinata a sottolineare come il grado di privacy aumenta ai livelli superiori.




Il primo piano si trova appena al di sopra del livello del terreno sul retro del palazzo, creando per l’occasione una piccola piattaforma esterna. La cucina e la zona pranzo sono proprio di fronte, mentre il soggiorno è posizionato sul lato opposto. Il piano finale ospita una grande camera da letto con mobili semplici, così come uno spogliatoio in legno foderato contrasta con l'estetica bianca pulita delle altre camere.









Nessun commento:

Posta un commento