Kohei Nawa crea un paesaggio di bolle per la Triennale di Aichi



L’artista giapponese Kohei Nawa ha immerso i visitatori della Triennale di Aichi in un mare ondeggiante di materia ribollente, che circonda le pareti e il pavimento di materiale poroso simile ad una nuvola. Foam, ovvero schiuma, abita una stanza quasi buia, creando una qualità eterea che sembra esteticamente ultraterrena. Attraversando lo spazio, ci si immerge in un terreno pieno di materiale galleggiante, abbastanza rigido da essere compatto, ma fragile e delicato allo stesso tempo. Il conglomerato organico, strutturato come cellule, reagisce chimicamente rimanendo in continuo mutamento, gonfiandosi, e occasionalmente, perdendo vitalità, diffondendosi fuori sul terreno.







Nessun commento:

Posta un commento