BASIC MEMORY.

“Should I stay or should I Go?” cantavano i Clash.”Devo partire o devo restare?”.
Il viaggio è sempre stato per l’uomo un’incognita , la scoperta del mondo che lo circorda e la ricerca 
interiore di se stesso.
Esso non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E anche loro possono prolungarsi in memoria, in ricordo, in narrazione.
Che significato può assumere perciò per uno studente di Architettura?
Innanzi tutto credo che il viaggio sia una costante all’interno della mente umana , quel contenitore di suggestioni ed esperienze sensoriali che servono da strumento indispensabile per la progettazione di un qualcosa che rispecchi gli stessi.Avventurarsi,perdersi in quei pensieri per la creazione di una qualsiasi forma di rappresentazione concreta dei nostri stati d’animo. 
In una non troppo lontana intervista Renzo Piano afferma “ I giovani devono partire per curiosità non per disperazione. I giovani devono avere la possibilità di scegliere. E mai partire solo perché non hanno altra scelta”.
Partire per conoscere,partire per guardare oltre.Partire per non rimanere mai assuefatti dal contesto che ci culla,partire per vedere quel che non si è visto, vedere di nuovo quel che si è già visto, vedere in primavera quel che si è visto in estate, vedere di giorno quel che si è visto di notte, con il sole dove la prima volta pioveva.
Ascoltare i luoghi ed avere orecchie per sentire ciò che hanno da raccontare.
Osservare con i propri occhi quello che ci è stato raccontato, quello che una foto o un display non possono spiegare.Individuare il rapporto tra spazi e vuoti , tra luci ed ombre fino ad allora ignoti.
Viaggiare per poi ritrovarsi di nuovo al punto di partenza , che si rivela ogni volta un nuovo porto da cui salpare.Per affacciarci alla tecnologia senza mai perdere la dimensione umana , perché la Terra ha scoperto, e ci ha ormai avvisato, la propria fragilità. 
Un modo per conoscere paesaggi mai visti e skyline differenti , con l’obiettivo sempre di guardare “oltre” senza mai staccarsi dalle proprie radici , le stesse che ci tengono saldamente attaccati alla realtà , che assecondano il nostro volo senza mai farci allontare troppo proprio come il sottile filo di un palloncino ad elio.
La memoria è ciò che rimane, la capacità di guardarsi indietro.E l’imperativo è farlo anche nel momento in cui non siamo stati i protagonisti di quel viaggio,ma qualcuno lo è stato per lasciare testimonianza tangibile anche a noi.
                                       
                                                                                                                         Matteo Coluzzi
                                                                                                                                    




   “La memoria è il diario che ciascuno di noi porta sempre con sé.” 
                                                                                                                                                                 Oscar Wilde

                                                                                                                                                                                         


                                                             

Nessun commento:

Posta un commento