A CLOSER LOOK AT THE SERPENTINE SACKLER GALLERY BY ZAHA HADID



È stata inaugurata sabato scorso, 28 settembre, a Londra, la prima struttura permanente della Serpentine Gallery. Si tratta della Sackler Gallery, nei giardini di Kensington, e a firmarla è l'architetto anglo-iracheno Zaha Hadid  con Patrilk Schumacher.

L'intervento si compone di due parti distinte, la conversione di una struttura in mattoni del XIX secolo - ex polveriera noto come The Magazine - e una tensostruttura del XXII secolo. Dopo il MAXXI di Roma, questo è il secondo spazio dedicato all'arte in cui i due architetti hanno creato una sintesi di antico e moderno.
La nuova struttura, dalla forma ondulata e sinuosa, è stata “addossata” all'edificio preesistente. L'ampliamento, nonostante l'aspetto di struttura temporanea, è un padiglione permanente di 900 mq, la cui copertura, in fibra di vetro, è sorretta da 5 colonne interne. Le pareti esterne sono in vetro e danno l'impressione che il tetto sia sospeso e appoggiato sul The Magazine. Gli ambienti interni sono stati trasformati in sale espositive per artisti emergenti del panorama internazionale. In un’intervista Hadid spiega: "L'idea era quella di utilizzare un nuovo materiale - una tensostruttura - e di guardare cupole e una struttura a guscio per realizzare un progetto contemporaneo leggero ... E 'necessario a volte di essere in grado di eguagliare e di essere adiacente ad edifici storici. L'idea era quella di dimostrare davvero che si possono avere questi due mondi, che sono il nuovo e il vecchio, e poi il giardino e il parco insieme in un modo senza soluzione di continuità".











Nessun commento:

Posta un commento