Etta Scollo e Kim Ki-Duk, fiori italiani per il cimena


Kim Ki-Duk ed Etta Scollo, sono apparentemente una coppia inaspettata, invece la musicista siciliana con la sua canzone “I Tuoi Fiori” ha dato vita alla colonna sonora del film “Bad Guy” del regista coreano, anzi ha esaltato la forza delle immagini con un testo perfetto. Etta Scollo, per qualche strano motivo, è quasi sconosciuta nel nostro paese, o almeno possiamo dire che è una cantante di nicchia nonostante vanti collaborazioni con artisti del calibro di Battiato. Fortunatamente la sua musica è famosa nel mondo e soprattutto nel nord europa. Etta, infatti, vive a Berlino da poco più di un lustro e in Germania da quasi un ventennio. Ha viaggiato molto, più per amore che per lavoro, seguendo "quell'incoscienza di un'eterna innamorata" che ne ha contraddistinto la vita e la musica. Ha all'attivo ben 13 dischi, l'ultimo, Cuoresenza (del 2011) è un concept album che racconta la storia di un cuore che un giorno scopre di avere perso il corpo cui apparteneva, e da quel momento comincia a viaggiare attraverso le canzoni che hanno segnato i capitoli della sua vita.
Non è da tutti realizzare la colonna sonora per registi rinomati come Kim Ki-Duk, ( forse in Italia anche lui verrebbe collocato tra qui registi di “nicchia” nonostante la sua fama mondiale e i premi vinti ) ma Etta Scollo è riuscita nell'impresa grazie alla forza del suo personaggio e della sua musica. Bad Guy è un film crudo, duro, intenso, dove l’amore è la base di una storia che possiamo definire non usuale. La forza delle immagini e la potenza degli sguardi, rendono il film orfano di superflui dialoghi rilegandoli allo stretto necessario. Questa è la forza del regista coreano, esprimere il significato dell’amore in ogni sua essenza, in ogni luogo e in ogni classe sociale condito da storie mai banali. Posso dire che Kim Ki-Duk ha modificato il mio modo di vedere ed interpretare l’amore, cogliendo il suo senso in ogni scena, in ogni sguardo. Probabilmente il regista ha visto in Etta Scollo il suo stesso modo di intendere tale significato ma trasformato in musica, e così nascono… i tuoi fiori.


Kim Ki-duk and Etta Scollo, are apparently an unusual couple, while the Sicilian musician with her song “I Tuoi Fiori” (Your Flowers), gave life to the “Bad Guy” movie soundtrack of the Korean director, in addition she exalted the power of images through perfect lyrics.
Etta Scollo, for a strange reason, is almost unknown in Italy, or we can just say she is a niche singer even if she has worked in harness with important artists like Franco Battiato. Luckly, her songs are famous all over the world, and particularly in North Europe. Etta has been living in Berlin for about five years, and in Germany for about twenty years. She travelled a lot, more for love then for her job, following “the irresponsibility of a never-ending lover”, which has marked her life and her music. She released 13 albums, the last one, “Cuoresenza” (2011), is a concept album that tells the story of a heart that has lost its body, from that moments it starts to travel by her songs that marked her life.

Just few people could make a movie soundtrack for famous directors like Kim Ki-duk (maybe in Italy, he is considered a niche director, in spite of his world fame and his Academy Awards) but Etta Scollo achieved the objective thanks to her strength and her music. Bad Guy, is a crude, hard and lively movie, in which love is the base of a story we can define unusual. The power of the images and the eyes, denude the movie of useless dialogues, to reduce them to bare minimum. Giving meaning to love in its own keynote, is the ability of the Korean director. I can say Kim Ki-duk changed my way of considering love, understanding it in every scene and in every eye. Perhaps, the director has realized Etta Scollo has the same way of understanding love voicing it in music, so… your flowers are born.



Testo della canzone "I Tuoi Fiori":

Ecco qui i tuoi fiori , belli e misteriosi con un non so che di strano, e per questo io li ho messi in un vaso a forma di corpo umano.
Sono...i tuoi fiori, fiori per me.
Al mattino, quando te ne vai, dò loro acqua fresca e luce, ma a notte quando torni, torbida è l'acqua ormai e la luce buio pece.
Sono...i tuoi fiori, fiori per me.
Quando li guardo, sai, mi sembra che parlino, ma so che è una follia o forse era un sogno in cui dicevano: “non andare… non andare via”



Lyrics translation: “Your Flowers”

Here are your flowers, nice and mysterious, with something strange, and for this reason I put them in a human body-shaped vase.
They are… your flowers, flowers to me.
In the morning, when you go away, I give them fresh water and light, but at night when you come back, the water is turbid and the light is pitch dark.
They are… your flowers, flowers to me.

When I look at them, you know, it seems they speak, but I know it is madness or maybe it was a dream in which someone says: “don’t go, don’t go away”

Video con la canzone di Etta Scollo ed alcune scene tratte da vari film di Kim Ki-duk:
Video with the song by Etta Scollo and some scenes from some movies by Kim Ki-duk:


Nessun commento:

Posta un commento