Yoshio Taniguchi - Galleria di Horyuji Treasures a Tokyo


La Galleria di Horyuji Treasures, circondata dalla natura e dai beni culturali, è uno degli edifici museali del complesso Tokyo National Museum, ed è opera dell’architetto Yoshio Taniguchi. La collezione Horyuji è stata donata alla Casa Imperiale dal tempio nel 1878, e le circa 300 opere divennero proprietà nazionale dopo la seconda guerra mondiale. Il vecchio edificio-galleria che un tempo occupava il sito serviva principalmente per preservare le opere in deposito. Il nuovo edificio-galleria, che ha aperto nel 1999, ha lo scopo di conservare meglio le opere e soprattutto di dare la possibilità di visita al pubblico.



“Per il desiderio di rispettare sia le opere sublimi da visionare, sia l'ambiente naturale circostante, il mio obiettivo nel progettare la Gallery di Horyuji Tesori, era di creare sul sito un ambiente che ormai troppo raro nell'attuale Tokyo, riportando tranquillità, ordine e dignità.” ci racconta Yoshio Taniguchi. Queste due esigenze contraddittorie, la conservazione permanente ed esposizione al pubblico, sono stati raggiunti, fornendo alla costruzione due spazi contrastanti, una parte centrale scura circondata da un muro di pietra e una porzione esterna illuminata e avvolta dal vetro. Lo schermo è composto da elementi strutturali in acciaio e montanti in alluminio.



Una parete spessa di calcestruzzo e pietra impedisce a qualsiasi luce esterna di penetrare le gallerie e gli spazi di stoccaggio in cui le opere sono conservate in modo permanente. La hall di ingresso funge anche da zona cuscinetto e protegge la mostra e spazi di stoccaggio. I visitatori possono rilassarsi e riposarsi negli spazi integrati con l'aria aperta. La stanza di ricerca e sale curali, che richiedono un ambiente piacevole, sono situate al piano superiore. Qui, la luce naturale entra attraverso un cortile a cielo aperto, e una grande finestra offre una vista panoramica sui boschi di Ueno.




Edificio estremamente raffinato ed elegante di Taniguchi è il prodotto di un flusso globale di sviluppo che ha le sue radici nel lavoro di Le Corbusier e le forme pure cubiche dello stile del Modernismo. La qualità, tipicamente giapponese, è la sorprendente precisione e attenzione al dettaglio che è stata raggiunta nella sua costruzione. Da notare, per esempio, come le giunzioni dei pannelli a parete della hall siano perfettamente allineati con le fughe della pavimentazione.


Nessun commento:

Posta un commento