Hironaka Ogawa - clinica dentale Chiyodanomori tra celle e corti

Una griglia senza compromessi di stanze quadrate e cortili compone questo studio dentistico a Gunma, in Giappone, ideato dall’architetto Hironaka Ogawa. Si tratta di una clinica odontoiatrica accompagnata con un progetto di housing. Le condizioni richieste sono: fare la clinica e l'alloggiamento in un unico edificio, per creare tre sale per trattamenti individuali e un paio di camere che sono in grado di trasformarsi in sale per trattamenti per la clinica, e fornire la sensazione di spazio aperto pur mantenendo la sua privacy.

Prima di tutto, è stata ideata una cella regolare di 2,7 milioni di 2.7mx che è necessaria per l'area di trattamento individuale. Poi le cellule sono state posizionate in griglia all'interno di una scatola murata con un paio di cortili per ottenere la luce naturale del sole, considerando sempre i loro rapporti per ogni cella. Un totale di 55 quadrati forniscono all'edificio la sua pianta rettangolare. Grandi porte quadrate aprono le camere una nell’altra, creando una stratificazione di spazi che possono essere utilizzati in varie configurazioni.

Dieci cortili quadrati sono sparsi per l'edificio e sono visibili attraverso le finestre quadrate che corrispondono alle proporzioni delle porte. “Anche se l'obiettivo era un piano funzionale e razionale, ho incontrato rapporti ambigui tra le condizioni esterne e interne che hanno generato una profondità misteriosa nello spazio”, spiega Hironaka Ogawa. “La diversità di luce e spazio è stata creata involontariamente dalle 55 celle all'interno della struttura.”

Tre sale per trattamenti sono disposte in fila attraverso il centro della griglia, mentre uffici e sale d'attesa corrono lungo entrambi i lati. La flessibilità di questo layout consente altre sale per trattamenti da aggiungere in un secondo momento. Il tetto dell'edificio è inclinato verso l'alto in direzione di una estremità per creare una varietà di altezze dei soffitti.

“Si possono sperimentare diverse sensazioni in ogni spazio a causa delle differenze in altezza di ogni cella, dell’illuminazione naturale e dei volumi”, aggiunge l'architetto. Una residenza a due piani è inclusa anche nella costruzione e si trova sotto la cima del tetto. Qui, le camere si avvolgono intorno ad un cortile rettangolare supplementare. La fotografia è di Daici Ano. 
(vedi anche Garden Tree House di Hironaka Ogawa)





Nessun commento:

Posta un commento