Mathieu Lehanneur - Chiesa St Hilaire e l'isola di marmo bianco ed alabastro



Mathieu Lehanneur lo conosciamo per i suoi esperimenti tra scienza e design, che coinvolgono ecologia e ménage quotidiano, ma del suo rapporto con la spiritualità conosco ben poco. Del suo rapporto con la chiesa anche meno. Mi incuriosisce, per questo motivo, il suo progetto a riconvertire l’altare della chiesa francese di St. Hilaire a Melle nel dipartimento di Deux-Sèvres, Francia. Il designer ha modificato la costruzione romana con un look molto minerale attraverso l’utilizzo del marmo bianco.




Una piccola montagna di marmo, cresce graduale attorno alle colonne antiche, sale dentro un disegno di isoipsee verso gli arredi liturgici in alabastro e attorno alle acquasantiere. Il marmo bianco va a creare un blocco omogeneo minerale formato da strati successivi che sembrano ricordare la formazione sedimentaria del basamento. L'arredo liturgico (altare e ambone) è realizzato in color alabastro, vicino al colore della pietra originale della chiesa. Il risultato è un impatto visivo dove la purezza del caos geologico viene utilizzata per evidenziare la perfezione della geometria romanica.




La complicità tra la chiesa e questa massa minerale è completata dal battistero scavato con lo stesso materiale, uno scenario ispirato alla topologia del luogo, infatti, contiene dell'acqua che sembra una fuoriuscita del fiume che scorre sotto la chiesa: come se collegasse direttamente l'edificio con il suo ambiente.
L'idea principale del progetto è stata quindi di accentuare questa sensazione di scoperta progressiva e di radicarsi nella terra. Questo gioco tra costruzione anteriore e posteriore crea una gerarchia naturale tra il celebrante e la congregazione.




Utilizza semplicemente la topologia del sito, al fine di una migliore comprensione. L'architettura organica, che non è però una rottura con i codici liturgici, nasconde invarianti simbolici come il battistero ad otto lati o l'altare costruito all'incrocio del transetto.




Nessun commento:

Posta un commento