Espace Louis Vuitton di Tokyo presenta Urban Narratives



Per la sua sesta esposizione, Espace Louis Vuitton di Tokyo va ad ovest per esplorare la scena artistica contemporanea indiana attraverso le "Narrazioni Urbane". Lo storico  e critico d'arte Nanak Ganguly ha selezionato quattro artisti emergenti indiani, tutti attivi nel settore Calcutta (West Bengal, India), una zona che lui ritiene abbia contribuito enormemente alla creazione di un mondo visivo contemporaneo.




Attraverso undici pezzi, di cui otto sono stati recentemente commissionati, lo spettacolo prende come punto di partenza l'idea di presentare la scena sotto l’occhio di uno spettatore residente in India e di come lui vede l’evolversi della loro cultura. Ci vuole anche l'India in un momento di transito, dove spazio e tempo si incrociano per la produzione di figure complesse tra differenza e identità.




Le opere degli artisti mostrato e riflettono la diversità di una scena contemporanea che gioca tanto con i codici occidentali come l’arte indiana tradizionale. Sekhar Roy, Adip Dutta, Snehasish Maity e Piyali Sadhukhan sono tutti profondamente influenzati dal passato culturale del loro paese, che vanno dai testi medievali alle icone di un retaggio coloniale.




Mentre Skyline di Sekhar Roy ci stimola a riscoprire lo spazio indigeno nazionale, l'interesse di Adip Dutta in archeologia ci obbliga a ricostruire il gap tra immagine e parola, affermazione e comprensione. Le opere di Sadhukhan (decisamente la mia preferita) discutono non solo la storia del subcontinente, ma anche i ruoli che svolgono in questa parte del mondo. L'attenzione di Snehasish Maity sull'esperienza urbana ci spinge a riconsiderare l'universalità dell'esperienza umana.





Potete avere maggiori informazioni sul sito http://espacelouisvuittontokyo.com/ o scaricare direttamente il PDF dell'esposizione urban_narratives.pdf


Nessun commento:

Posta un commento