AZL architects: CIPEA number 4 blockhouse, Nanjing, Cina


Tra il verde lussureggiante della foresta Laoshan nella città orientale cinese di Nanjing sorge un complesso architettonico che ha riunito ventiquattro progettisti per manifeste le idee sullo spazio costruito. Tra le venti case di piccole dimensioni c’è la “no.4 block house” dalla studio locale AZL Architects, con cinque camere da letto dallo spirito formale della pagoda di quattro piani cubici disposti in verticale. (vedi anche azl-architects-xixi-artist-clubhouse)


Lo spazio organizzativo permette il minimo scavo della valle del sito, rendendo ottimale l’integrazione della linea del tetto con gli orizzonti del paesaggio. L’architettura crea contemporaneamente una integrazione e pausa visiva dalla vegetazione, strutturandosi con piani curvi che si sollevano e rivelano corridoi aperti tramite ampie vetrate. 


La sobria geometria di facciata aiuta anche a rendere le vetrate più dinamiche delle semplici interruzioni orizzontali. Le aperture curve, che scorrono il paesaggio cinese, sembrano quasi richiamare la quiete della contemplazione di un giardino cinese. Per tetto si è utilizzata una piattaforma di legno scuro, in modo da rimanere in tema con la vista del paesaggio e riproponendo il colore e il materiale dell’area.


location: nanjing, jiangsu province, china
architect in charge: zhang lei
project team: zhang lei, jeffrey cheng, wang wang, wang yi 
collaborator: architectural design & planning institute, NJU
project area: 500 sqm
project year: 2008-2012

Nessun commento:

Posta un commento