L' Europa City dello studio danese BIG : Città del futuro tra verde e commercio



Lo studio di architettura danese BIG è stato selezionato per la progettazione di Europa City in Francia. Questa deve essere una nuova e sperimentale area urbana con un mix tra vendita al dettaglio, tempo libero e cultura su un'area di ottanta ettari.
Europa City dovrà estendersi tra Parigi e Roissy, nella regione più densamente popolata della Francia, Île-de-France. La proposta vincente di BIG propone una forma urbana sperimentale: un ibrido di una città compatta in aperta campagna. Deve essere il centro culturale e commerciale per le città vicine del cosiddetto Triangolo di Gonesse. 




Città e Campagna:

Europa City è organizzata secondo un viale circolare con servizi di vendita al dettaglio, di intrattenimento e di esperienze culturali, dove i visitatori possono spostarsi facilmente attraverso percorsi e mezzi pubblici elettrici. Praticamente l'intero complesso è coperto da un tetto verde accessibile. 
Il paesaggio circostante è composto da dolci colline e valli, che vanno ad integrarsi perfettamente con gli spazi, che il progetto propone, attraverso sentieri per la ricreazione e per l'agricoltura urbana. Dalla cima delle colline, i visitatori possono godere di una vista panoramica sul centro di Parigi e da La Défense 




La Durabilità:

L’Europa City di BIG, è inoltre concepita come un laboratorio e vetrina per le tecnologie sostenibili. Vanta la presenza di una vasta gamma di strutture culturali e ricreative, come le sale da concerto, centri benessere, piste da sci ed è anche uno scambio urbano per le merci. 
L’acqua delle stazioni termali può essere riutilizzata per l'irrigazione di parchi e Europa City può rifornire i quartieri circostanti con riscaldamento e raffreddamento. La progettazione del complesso assume una funzione su una combinazione di biocarburanti, energia solare e geotermica.
Per questo molto ampio progetto BIG guida un team che comprende anche Tess, Transsolar, Base, TRANSITEC e Michel Forgue.



Nessun commento:

Posta un commento