Aytac Architects : Hebil 157 Houses e l'integrazione naturale


Il progetto degli architetti Aytac Architects prende vita a Borum in Turchia.


Hebil 157 Houses è una manifestazione dell’idea di recupero e sfruttamento del paesaggio anche nelle sue controversie. Cinque ville uniche sono distribuite su cinque ettari che si affacciano sul tranquillo panorama del Hebil Bay. Ogni villa è posizionata strategicamente. Tutte ugualmente beneficiano di vaste e splendide viste sulla baia e interagiscono con il paesaggio circostante del Mar Egeo, e con la brezza del Mediterraneo.




Le cinque ville prendono forma dalle colate laviche cristallizzate del leggendario Vulcano Kos una volta si trovava vicino al sito Hebil 157. Le fuoriuscite delle masse di "Bodrum Bianco" si fondono con lo sfondo con serenità, abbracciando gli ulivi secolari del cortile centrale e rendendo omaggio alla flora locale. Ampie superfici vetrate portano il pittoresco paesaggio all’interno, confondendo la divisione tra interno ed esterno.



L'influenza del vulcano è stata vissuta sia nella materialità che nell’organizzazione spaziale. 
Gli spazi sono collegati in modo fluido.


Nessuna pietra diversa dal basalto vulcanico è stata utilizzata negli spazi interni. Per ambienti esterni sono state invece riutilizzati gli agglomerati vulcanici recuperati dagli scavi.
Il progetto indaga il ricco rapporto tra le dinamiche e complesse forze della natura, che si trasformano in un ambiente terapeutico, rilassante, decorato con diecimila lavande.





Nessun commento:

Posta un commento